Abolizione vitalizi: una legge voluta dal Pd

3 weeks ago by in Atti Approvati, Attività Parlamentare Tagged: , ,

L’Aula della Camera ha approvato la proposta di legge del Pd sull’abolizione dei vitalizi. Nella votazione si sono registrati 348 voti favorevoli, 17 contrari e 28 astenuti. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

 OBIETTIVO DELLA LEGGE

Ricalcolare con un criterio totalmente contributivo anche l’importo delle pensioni attualmente erogate agli ex parlamentari.  Premesso che la riforma del 2012 ha già abolito i vitalizi e dunque i trattamenti pensionistici per i parlamentari in carica dall’attuale legislatura sono già calcolati con il contributivo, dall’entrata in vigore della legge tutti i parlamentari (passati, attuali e futuri) percepiranno pensioni calcolate secondo i principi legge Fornero.

Questo comporta, per chi sarà parlamentare dalla prossima legislatura, un innalzamento dei requisiti anagrafici richiesti per l’accesso al sistema pensionistico, che saranno identici a tutti gli altri dipendenti pubblici.

 LE NUOVE NORME:

I parlamentari eletti dalla prossima legislatura percepiranno la pensione, come tutti gli altri lavoratori, a 66 anni e 7 mesi. L’importo delle 12 mensilità sarà quello ottenuto moltiplicando il montante contributivo individuale per i coefficienti di trasformazione in vigore per i lavoratori dipendenti e autonomi. (Per i deputati della presente e delle scorse legislature valgono invece le regole della riforma del 2012: 65 anni per una sola legislatura 60 anni per chi ne ha più di una).

 I contributi versati dai parlamentari saranno gestiti dalle Camere. L’erogazione degli assegni resta così in capo al Parlamento.

Aumentati i casi di sospensione nell’erogazione della pensione. Ora viene sospesa nel caso in cui l’ex parlamentare assuma una qualunque carica pubblica o all’interno di enti pubblici o enti privati in controllo pubblico. Prima la sospensione scattava solo se il parlamentare era rieletto in Parlamento (nazionale o europeo), in un consiglio regionale, nominato componente del governo, assessore regionale o titolare di incarico istituzionale per il quale la Costituzione o altra legge costituzionale prevede l’incompatibilità con il mandato parlamentare.

La pensione di reversibilità è totalmente equiparata alle regole della legge Fornero.

Le Regioni si devono adeguare ai principi della legge; la legge prevede delle sanzioni per le Regioni inadempimenti. Per chi non si adegua arriverà un taglio del 50% delle somme previste nei bilanci delle regioni per questa voce.

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam