Perplessità sulle Consulte, una lettera riapre la questione

12 years ago by in Articoli, Città di Casale Monferrato Tagged: , , ,

In fase di dibattito in Consigio Comunale, Fabio Lavagno, come rappresentante di Sinistra Casalese, aveva sollevato alcune perplessità circa le Consulte comunali, in particolare quella riferita al territorio. Perplessità relative ai criteri di nomina e non di elezione dei componenti. Quelle perplessità vennero, come d’abitudine, ignorate dalle cronache del Consiglio Comunale, fatte dagli organi di stampa. Oggi il sito de “il Monferrato” ospita una lettera, a firma di Francesco Sobrero, che ripropone quegli stessi temi. Non pensiamo che l’Amministrazione sia interessata a chiarire il nodo dei criteri, ma quanto meno si ha del problema una conoscenza più vasta.

Ecco il testo della lettera:

CONSULTA CASALESE PER IL TERRITORIO: QUALI CRITERI?

Illustrissimo Signor Sidnaco, ho letto sul sito ufficiale del Comune delle varie Consulte proposte dalla sua Amministrazione. Vorrei, se mi permette, esaminare la Consulta per il Territorio.

Mi vuole gentilmente spiegare per quale arcano e per me indecifrabile motivo, da tale consulta siano escluse le Circoscrizioni di Vecchia Casale – Ronzone, di Porta Milano – Borgo Ala e del Valentino – S.Anna? Forse perché gli abitanti di queste zone sono diventati, senza essere stati informati, cittadini di qualche altro comune italiano od extra-comunitario?

O forse perché in queste zone, per grazia ricevuta, non esistono problemi? Mi è stato riferito, dal solito maligno di turno, che in queste Circoscrizioni non è necessaria la presenza della consulta, in quanto su queste vigila l’occhio attento e solerte dei Consiglieri Comunali di Maggioranza.

Vorrei porle un’altra domanda: qual è o meglio quale sarà il criterio per la scelta dei tre membri per circoscrizione: li nominerà lei in base all’appartenenza politica del candidato, sosterranno un esame di ammissione, oppure verranno messi tutti i nomi in un cappello ed un ragazzino bendato estrarrà i nomi dei tre fortunati? Comunque mi permetta di dirle che in qualsiasi modo siano nominati i tre rappresentati delle frazioni, la democrazia, la partecipazione popolare è stata chiusa fuori della porta.

Vorrei ricordarle che a Casale esistevano 10 consigli di Circoscrizione, eletti in modo democratico da tutti i cittadini, con voto libero e segreto, di cui mi onoro di averne fatto parte per 15 anni come consigliere della Circoscrizione di Porta Milano – Borgo Ala di cui 10, come segretario con la maggioranza di centro sinistra. Oltretutto i Consigli di Circoscrizione, che hanno svolto un ottimo lavoro in questi anni, a prescindere dal colore politico della maggioranza, non hanno mai rappresentato un costo per la macchina comunale, se non qualche risma di carta, qualche busta ed un po’ di francobolli, dimenticavo un macchinetta per fare i buchi ed una cucitrice.

Poi c’è l’ abrogazione della consulta per la pace….ma questa è tutta un’altra storia. Grazie, se gentilmente vorrà rispondermi

Francesco Cecco Sobrero (già segretario del Consiglio di Circoscrizione di Borgo Ala – Porta Milano – Nuova Casale)

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam