Dalla lotta all’amianto il Consiglio Comunale ritrovi la propria dignità

10 years ago by in Ambiente, Amianto, Casale M. -Consiglio Comunale, Città di Casale Monferrato, Comunicati Stampa Tagged: , , , , ,

Giustizia, dignità e ruolo del Comune nel Processo Eternit hanno finalmente di nuovo cittadinanza dopo il rifiuto, seppur tardivo, della cosiddetta “offerta del diavolo”.

Si è trattato di una vittoria non solo di una tradizione amministrativa che non aveva mai diviso la città sotto il profilo della lotta all’amianto, ma soprattutto della cittadinanza che ha manifestato con fermezza la propria contrarietà all’eventualità che il Comune di Casale si sfilasse dal processo Eternit in cambio di un’offerta economica.

Gli undici consiglieri dei gruppi di opposizione hanno espresso fin dall’inizio la propria contrarietà alla rinuncia da parte del Comune a restare come parte civile nel processo Eternit invitandolo a confrontarsi con la popolazione.

Ora che finalmente ha fatto propria la scelta di restare a pieno titolo nel processo adeguandosi alla proposta avanzata dal Ministro della Salute, l’Amministrazione non può pensare di avere una delega in bianco.

Per questo motivo i capigruppo dell’opposizione del Consiglio Comunale di Casale Monferrato ‘Casale si cambia’, ‘Democratici per Casale’, ‘Partito Democratico’, ‘Sinistra Ecologia Libertà’, UDC hanno richiesto, oggi, alla Presidente del Consiglio comunale un riunione urgente della conferenza dei capigruppo al fine di convocare un Consiglio comunale incentrato su due provvedimenti.

Il primo relativo alla revoca formale dell’Atto di indirizzo, proposto dall’Amministrazione e votato dalla maggioranza di Centro-Destra nel Consiglio del 16 dicembre 2011 e il secondo per la discussione ed approvazione di un documento di indirizzo che formalizzi l’intesa raggiunta tra i vari enti istituzionali partecipanti all’incontro del 26 gennaio 2012 a Roma, alla luce di quanto citato nella delibera di giunta del 3 febbraio 2012 : “…

Constatato che per la prima volta la cooperazione interistituzionale avviata consente di realizzare un intervento strutturato ed organico che affronta l’emergenza amianto sotto i molteplici aspetti della bonifica, della raccolta amianto e smaltimento, della ricerca medica, della prevenzione e cura del mesotelioma, al fine di risanare definitivamente il territorio ed avviarlo a nuove forme di sviluppo…”

Si tratta di atti fondamentali per restituire piena dignità al Consiglio comunale.

Casale Monferrato, 8 febbraio 2012

Pietro Gilardino – capogruppo ‘Casale si cambia’

Maria Merlo – capogruppo ‘Democratici per Casale’

Davide Sandalo – capogruppo ‘Partito Democratico’

Fabio Lavagno – capogruppo ‘Sinistra Ecologia Libertà’ – ‘Sinistra Casalese’

Giuseppe Primatesta – capogruppo ‘UDC’

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam