Su mense scolastiche e asili l’Amministrazione al confronto preferisce le conferenze stampa

12 years ago by in Articoli, Casale M. -Consiglio Comunale, Città di Casale Monferrato, Comunicati Stampa, Scuola - Istruzione Tagged: , , , , , ,

 Nei Giorni scorsi l’Amministrazione su almeno due provvedimenti di grande rilevanza per i servizi comunali rivolti alla città (mense scolastiche e asili nido) ha preferito convocare conferenze stampa anziché confrontarsi nelle opportune sedi di Commissioni Consiliari.

Questo è avvenuto nonostante la nostra richiesta di non agire in tale senso ed avendo ricevuto, dallo stesso Sindaco, ampie rassicurazioni.

Per questo abbiamo scritto alla Presidente del Consiglio Comunale una lettere pacata nei toni, ma ferma nei principi, perché si faccia interprete presso l’Amministrazione e i Presidenti di Commissione affinché il ruolo e la dignità del Consiglio Comunale vengano rispettati.

Ci sembra paradossale che le Commissioni Consiliari, che rappresentano un costo per la collettività, vengano spesso convocate senza una reale concretezza, dovuta ad un’assenza di istruttoria o come mere prese d’atto e non vengano invece convocate quando sarebbero necessarie.

Ci sarebbe piaciuto che su temi tanto sensibili il confronto venisse addirittura allargato ad una partecipazione ben più ampia tale da coinvolgere i tanti soggetti interessati: famiglie, operatori e le varie istituzioni.

Noi ci ispiriamo a principi di confronto e non vogliamo limitarci a fischiare i tanti falli di questa Amministrazione, non possiamo esimerci, però, dal constatare che il confronto, tanto auspicato, dovrebbe essere attuato con maggiore convinzione.

Ecco il testo della lettera indirizzata alla Presidente del Consiglio

Gent.ma Presidente del Consiglio,

ci troviamo a rivolgerci a Lei constatando che importanti decisioni di indirizzo che spettano alla Giunta, ma che hanno ampie ricadute specie nel campo dei servizi alla persona non trovano l’adeguato coinvolgimento dei Consiglieri nelle opportune sedi di Commissione. Questo avviene dopo ripetute sollecitazioni all’Amministrazione e avendone ricevuto specifiche rassicurazioni in merito, tuttavia la Giunta, in ben due importanti occasioni, ha preferito convocare conferenze stampa anziché addivenire ad, un sempre auspicato e mai realizzato, confronto con le Commissioni Consiliari.

Ci riferiamo a quanto avvenuto relativamente al servizio mense di refezione scolastica e a quello degli asili nido. Si tratta di due servizi estremamente delicati e con una ricaduta ampissima, le cui decisioni in merito non avrebbero dovuto limitarsi solamente alle Commissioni Consiliari non convocate, ma a maggior ragione vista la rilevanza e l’importanza dei servizi stessi avrebbero dovuto rivolgersi ad una partecipazione tanto ampia quanto adeguata all’entità e alla varietà dei portatori d’interesse coinvolti.

Avremmo auspicato che su materie tanto sensibili vi fosse un confronto nel merito anche con le famiglie, con gli operatori dei servizi e le istituzioni coinvolte.

Non solo questo non è avvenuto, assumendo decisioni nella ristretta cerchia della Giunta, ma si è ritenuto di poter fare a meno anche dello strumento delle Commissioni Consiliari.

Il Suo ruolo, ci spiace rammentarLe, in qualità di Presidente è quello di garantire e rappresentare l’intero Consiglio Comunale e di tutelarne la dignità del ruolo, oltre che assicurarne l’esercizio delle funzioni, ispirandosi ai criteri di imparzialità e difendendone le prerogative così come previsto dal Regolamento del Consiglio stesso.

Per questo facciamo appello, non solo all’esercizio del Suo ruolo, ma alla Sua più volte dichiarata sensibilità in tale senso, affinché si faccia interprete di un’esigenza di confronto principalmente presso i Presidenti delle Commissioni (che la maggioranza ha reclamato tutte per sé all’inizio del mandato) per promuovere un’azione di lavoro costante sui provvedimenti di indirizzo che interessano la città e non si riducano solo a strumenti ad uso e consumo dell’Amministrazione.

Proprio per l’importanza del proprio ruolo l’attività consigliare, comprese le Commissioni, rappresenta un costo di cui si fa carico la collettività, pertanto utilizzarle come presa d’atto di decisioni già assunte o lasciarle a discutere senza una reale concretezza, invece di convocarle in momenti opportuni rappresenta non solo un atto lesivo della dignità del Consiglio, ma soprattutto un inutile costo sostenuto dai cittadini.

Ci auguriamo che saprà essere all’altezza del Suo compito e che a seguito di una Sua azione concreta il Consiglio non debba trovarsi in queste condizioni. In caso contrario, sarà nostra cura di farci portavoce presso le opposizioni affinché si attivino con gli strumenti di autoconvocazione delle Commissioni, così come previsto dal Regolamento del Consiglio Comunale.

Cordiali saluti

Fabio Lavagno

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam