Diritto edificatorio: l’assurda proposta della nuova legge urbanistica del Piemonte

9 years ago by in Ambiente, Regione Piemonte, SEL Coordinamento Regionale Tagged: , ,

Ci siamo, o meglio ci risiamo! Il Disegno di Legge che è approdato oggi al Consiglio regionale del Piemonte relativo alle nuove norme urbanistiche,si inserisce nel solco ideologico di altri provvedimenti già assunti dalla maggioranza di Centro-Destra in questi anni.

Liberismo spacciato per efficienza e sburocratizzazione; impoverimento della partecipazione e svilimento del ruolo dei Consigli comunali sono i capisaldi di questa che speriamo non diventi la nuova legge urbanistica del Piemonte.

La proposta peraltro non ha le caratteristiche di una nuova legge urbanistica, ma si presenta come un consistente impianto emendativo alla legge urbanistica piemontese (la legge Astengo del 1977). Il principio furbesco da cui prende avvio il ragionamento è l’adeguamento normativo alla luce della più recente legislazione nazionale in materia edilizia.

In realtà, si riscrive la legge urbanistica introducendo procedimenti, con l’alibi dello snellimento, che di fatto evitano la funzione di programmazione dei consigli e portando gran parte dei procedimenti in capo agli esecutivi.

L’introduzione del diritto edificatorio è il tratto ideologico del Disegno di Legge, un principio alieno alla legislazione vigente e al buon senso.

In un Paese in cui, la Ministra Fornero, mette in discussione che il lavoro sia un diritto, il Consiglio regionale piemontese si avvia a discutere e a coniugare nuovi diritti del tutto inediti come quello edificatorio. E’ evidente lo spostamento dell’asse volto a privilegiare “occasioni” dettate dal mercato in cui le politiche territoriali locali si tradurranno in mere “ratifiche” di accordi immobiliari. Interesse pubblico e programmazione non troveranno più spazio, schiacciati dall’urbanistica contrattata.

0 Responses to “Diritto edificatorio: l’assurda proposta della nuova legge urbanistica del Piemonte”


Guido Brotto
6 gennaio 2013 Rispondi

i diritti edificatori sono disciplinati in quasi tutte le regioni….
quindi non mi sembra niente di inedito anzi il Piemonte è arretrato (Lombardia, Veneto docet)

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam