Il Governo “dei gruppi ristretti” invece di quello del cambiamento

9 years ago by in Articoli Tagged: , , , , , , ,

Pur in un quadro estremamente confuso della rappresentanza parlamentare, l’esito delle scorse elezioni politiche aveva espresso chiaramente almeno due concetti inequivocabili: l’enorme bisogno di cambiamento e innovazione del nostro Paese e la totale bocciatura delle sterili e depressive ricette di austerità del Governo Monti.

Oggi al termine delle consultazioni del Presidente della Repubblica anche quei due semplici paletti sembrano saltare.

Certo, c’è voluta tutta la non volontà della politica nel suo complesso a dare risposte al Paese, ma anche l’intransigenza e la miopia di chi non vuole, pur essendone attore principale, essere parte responsabile della politica.

Eppure ci trovavamo in un momento cruciale della nostra storia repubblicana. Un momento in cui, finalmente il Parlamento poteva ritrovare la propria centralità.

Si poteva perseguire l’ipotesi di affidare un incarico a Bersani con una proposta seria ed autorevole che potesse incontrare, o meno, la fiducia delle Camere, ma con la chiarezza delle responsabilità di ciascuno.

Ancora una volta invece ci si affida a soluzioni fumose, oscure. Si farà riferimento a “gruppi ristretti”. Affidare il Governo a “gruppi ristretti” che per definizione corrisponde all’oligarchia risulta realmente inaccettabile a chi ancora crede nella democrazia.

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam