Rifiuti Nucleari: occorre affrettare i tempi per deposito unico nazionale

8 years ago by in Attività Parlamentare, Interrogazioni, Nucleare Tagged: , , , , ,

“Occorre affrettare i tempi per la realizzazione del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. Oggi il governo, rispondendo a una nostra interrogazione, ha sollecitato l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) a consegnare lo studio relativo ai criteri per l’individuazione del sito, cosa che l’Ispra avrebbe dovuto fare già lo scorso dicembre, scadenza non rispettata. E’ singolare che dopo un anno il rappresentante del governo, il sottosegretario De Vincenti, abbia detto oggi che entro poche settimane è attesa la risposta dell’Istituto. Del resto, se si considera che la legge prevede altri ben 13 adempimenti per la definizione del sito, c’è il rischio, di questo passo, che dobbiamo aspettare il 2023 per avere il decreto definito. Intanto, come è noto, il territorio di Saluggia, in provincia di Vercelli, conserva circa i 2/3 delle scorie radioattive presenti in Italia sotto forma di rifiuti sia liquidi che solidi”.

E’ quanto affermano i deputati Fabio Lavagno di Sel e Luigi Bobba, del Partito Democratico, primi firmatari dell’interpellanza al ministro dello Sviluppo economico. Lavagno e Bobba sottolineando poi che resta non chiarita “un’altra importante questione, cioè quella relativa alla costruzione, sempre a Saluggia, di un impianto denominato Waste Management Facility (WMF) destinato a condizionare e trattare i rifiuti solidi radioattivi dell’impianto Eurex. Intanto, occorre notare che, mentre non si risolve il problema del sito unico per i rifiuti, si continua a costruire nel nostro territorio. Inoltre, un decreto del 30 luglio del 2012 ha autorizzato la Sogin alla realizzazione di questo impianto ma il luogo dove dovrebbe sorgere non gode dei criteri di edificabilità: ci chiediamo cosa accadrà se il comune non delibera sulla modifica del piano regolatore. Visto che esistono anche queste ambiguità non risolte – concludono Lavagno e Bobba – sollecitiamo il ministro dello Sviluppo economico ad organizzare un incontro con il sindaco di Saluggia, le minoranze consiliari e i parlamentari del territorio per cercare di sbrogliare questa intricata matassa e fornire risposte chiare e convincenti alla popolazione interessata”.

Testo Interpellanza

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam