Bairati nuovamente a Casale per la vicenda SILTAL

13 years ago by in Articoli Tagged: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Occorre stringere i tempi da parte di tutti. Questa è stata la conclusione tratta ieri dall’incontro presso il Ministero delle Attività Produttive sulla vicenda Siltal.

Al Ministero: Fabio Lavagno, Mirko Oliaro (Fiom CGIL), Gianni Crisafulli, Tonio Anselmo (Fim CISL)

La proprietà rappresentata da Gabrio Caraffini ha denunciato la difficoltà di ottenere linee di credito. Su questo il Comune di Casale si era mosso in sinergia con l’Assessore Regionale Andrea Bairati, affrontando le tematiche della filiera del freddo.

L’incontro dello scorso 11 settembre con i rappresentanti della proprietà  a cui avevano partecipato il Sindaco Mascarino, il suo vice Crisafulli e l’Assessore Lavagno; aveva sortito un’azione regionale volta a sensibilizzare il governo affinchè si attivasse per fare le necessarie azioni sul mondo del credito al fine di garantire l’opportuno respiro all’operazione. I rappresentanti del Ministero ieri hanno particolarmente apprezzato questa iniziativa.

Per approfondire la tematica e continuare a raccordare le iniziative l’Assessore Fabio Lavagno ed il Conisgliere regionale Alberto De Ambrogio hanno concordato un nuovo incontro con Bairati che sarà nuovamente a  Casale mercoledì 8 ottobre per approfondire questo tema. All’incontro oltre a Lavgno saranno presenti il Sindaco Mascarino, il Vice-Sindaco Gianni Crisafulli ed i rappresentanti dell’azienda.

Bairati in Sala Consigliare a Casale lo scorso 11 settembre

Leggi l’articolo di Massimiliano Francia su “il Monferrato” >

Siltal: niente soldi, niente inglesi. A Roma Caraffini chiede un altro rinvio

Roma30/09/2008
I fondi di investimento inglesi si sono dileguati così come il nuovo socio del quale si era parlato poco prima dell’estate senza che si sia capito fino infondo se si è trattato di manovre diversive o «depistaggi», o se come ha detto l’azionista di maggioranza di Siltal Gabrio Caraffini si sono tirati indietro a causa di una congiuntura economica sfavorevole che scorragia gli investimenti.

Continua…

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam