6 maggio. Si sciopera

11 years ago by in Articoli, Lavoro - Welfare, Qua e là - consigli di lettura Tagged: ,

di Titti Di Salvo 

Venerdì 6 maggio la Cgil inviterà tutte le lavoratrici e i lavoratori a scioperare.

Lo farà per chiedere di cambiare  scelte economiche,sociali ,contrattuali che hanno peggiorato le condizioni di vita delle persone e per nulla risolto i problemi strutturali del nostro sistema produttivo.

Lo farà in un clima politico surreale,mentre la crisi morde ancora;la disoccupazione sale  così come la precarietà;le stime di crescita sono al ribasso ;il governo è visibilmente morto,anche se si trascina e trascina l’Italia verso il declino; le bombe cadono sulla Libia e a Lampedusa si consuma il fallimento più grande delle politiche del governo.

Lo farà in un contesto nel quale  è possibile che per giorni e giorni si sviluppi sull’apertura dei negozi il  Primo maggio una discussione avvilente per gli argomenti a sostegno delle tesi favorevoli alle serrande alzate :parole e parole   usate per nascondere la cancellazione del senso del Primo maggio.

Lo farà da sola,con Cisl e Uil contrarie e distanti,convinte che il carattere della competizione globale non consenta più l’autonomia della rappresentanza sindacale,ma solo il patto corporativo nell’impresa ,la  concertazione generale per ridurre il danno ma comunque a perdere, l’ampliamento della tutela individuale attraverso i servizi.

Non c’entra niente la distinzione che pure ancora qualcuno si ostina a fare tra sindacalismo riformista e radicale.Siamo di fronte al contrario ad un grande problema:il cambiamento del ruolo e del profilo del sindacalismo confederale.

Nel centro sinistra poi lo sciopero della Cgil sarà una nuova occasione di imbarazzo e di silenzi per il Pd.

La Cgil ha detto che lo sciopero generale del 6 maggio è stato proclamato per responsabilità e amore per il paese.

Noi siamo d’accordo con la Cgil.

A noi che abbiamo  scelto da tempo il merito come parametro di giudizio e il valore del lavoro e dell’ambiente come mattone di un diverso modello di sviluppo ,appaiono chiarissime al contrario le ragioni dello sciopero.Ci convince  della sua necessità la  distanza abissale tra  le politiche ,economiche,sociali,del lavoro ,contrattuali poste in essere e quelle che riterremmo necessarie per l’Italia ,quelle che metteremo in opera nella situazione data se fossimo al governo.

Vorremmo per questo  che un nuovo centro-sinistra assumesse su di sé la responsabilità di offrire al paese una proposta generale, alternativa nei  valori e nelle scelte ,in sintonia con i  diversi movimenti sociali che oggi si fanno  sentire e hanno animato ormai da mesi le piazze d’Italia:per la difesa della Costituzione,per la dignità del  lavoro,per l’acqua pubblica, per le energie alternative contro il nucleare,contro la precarietà,per un paese che rispetti le donne,perché il futuro di una generazione sia ora,cioè per un diverso modello di sviluppo.

E’ una responsabilità che non si può scaricare sulle spalle della Cgil,che pure in questi anni ha tenuto aperta spesso in solitudine una prospettiva .E’ una responsabilità che deve assumere un centro-sinistra finalmente  adulto e maturo,in grado cioè di mettere in fila le priorità:cambiare l’Italia,per un Paese migliore.

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam