Su Sirchia ci pensi la magistratura e Demezzi si faccia un regalo per Natale e rassegni le dimissioni

10 years ago by in Casale M. -Consiglio Comunale, Città di Casale Monferrato, Comunicati Stampa Tagged: , , , ,

Nel Consiglio comunale del 20 dicembre il Sindaco ha relazionato in merito alla vicenda giudiziaria che coinvolge l’Assessore Nicola Sirchia relativa alla società Terre d’acqua che lo vede rinviato a giudizio insieme ad altri, tra cui l’ex-Sottosegretario Roberto Rosso, con l’accusa di associazione a delinquere.

Non sappiamo se Giorgio Demezzi abbia relazionato di questa vicenda perchè lo ritenesse doveroso nei confronti del Consiglio o se in risposta a sollecitazioni dei gruppi dell’opposizione; di fatto non ha minimamente sminuito nè banalizzato la vicenda, ribadendo tuttavia la sua fiducia a Sirchia, che dal canto suo non fa passi indietro rispetto al suo impegno amministrativo.

Sulla vicenda giudiziaria, pur nella gravità del capo d’imputazione, come nel passato non vogliamo entrare lasciando alla magistratura il ruolo ed il compito di acclarare i fatti. Non è nella nostra cultura sventolare i cappi in sedi istituzionali, tuttavia, in una situazione di antipolitica crescente, con una sempre maggiore sfiducia nelle istituzioni, sarebbero state più opportune e non opportunistiche, scelte differenti.

Queste vicende avvengono a metà del mandato di un’amministrazione di destra, che per la prima volta governa Casale Monferrato e che si trova a presentare un bilancio tutt’altro che positivo, soprattutto in relazione alle mirabolanti promesse fatte in campagna elettorale.

Questa amministrazione è infatti caratterizzata da povertà progettuale, da un’urbanistica in cui prevalgono ecessi di residenziale e commerciale, da una politica dei rifiuti incentrata sulla sciagurata scelta delle isole semi-interrate, da una sicurezza fatta di telecamere e pistole, da uno sviluppo che non va al di là della kermesse di presentazione dell’Agenzia, da una contrazione dell’offerta culturale, dai tagli all’assistenza scolastica per gli studenti disabili.

Ad un sindaco evidentemente provato dai fatti degli ultimi giorni, che ha ormai dichiarato di non volersi ricandidare alle prossime elezioni e che è riuscito a lacerare la città sulla vicenda del processo Eternit, abbiamo rivolto un invito in vista del Natale di farsi un regalo e di farlo all’intera comunità casalese: rassegnare le proprie dimissioni evitando alla città di continuare a traccheggiare senza rotta e di rotolare insieme a lui verso il basso.

 

Leave a Comment


Protected by WP Anti Spam